Migranti, la nave umanitaria Sea-Eye torna in mare. La portavoce: “Porti chiusi? Situazione difficile, ma li salveremo e non li riporteremo mai in Libia” 

A più di un mese da un’odissea umanitaria nel Mediterraneo lunga 19 giorni, condivisa con la Sea Watch, l’organizzazione tedesca Sea Eye si...

Pubblicità

A più di un mese da un’odissea umanitaria nel Mediterraneo lunga 19 giorni, condivisa con la Sea Watch, l’organizzazione tedesca Sea Eye si prepara a tornare nel Mediterraneo con una nave che sarà ribattezzata con il nome di Alan Kurdi, il bambino che nel 2015 divenne il simbolo della tragedia dei migranti nel Mediterraneo. Il 2 settembre di